Quando viaggio mi rendo conto che nelle grandi metropoli la globalizzazione ha ormai trasformato volto e spirito delle città. Trovare bar, vie, palazzi “come una volta” è un’impresa. Uno dei motivi per cui amo Milano è che, pur essendo europea e ricca di opportunità, conserva la preziosità tipica italiana, fatta di botteghe, artigiani e ottima cucina, anche casalinga. Fatta di circolini in cui si gioca a carte, di trattorie con vino a basso prezzo, ma buono, di piccoli caffè in cui il profumo dei dolci è sempre diverso. Dove le persone vedono un tavolino “vecchio”, io vi assaporo la storia che è passata di lì. E in via Torricelli, a Milano, c’è questo.

C’è l’arredamento che non cambia con le mode, solo per attirare i clienti. C’è il servizio rustico, ma verace e schietto. C’è un personale uguale da vent’anni. Una serata così, perfettamente immersi nella autenticità di Milano, la puoi vivere ormai in pochi posti. E questo è un articolo che scrivo davvero con il cuore, queste sono le vere perle che amo condividere con chi mi segue e che spero vivamente vengano provate e ascoltate.

FRIZZI E LAZZI – via Torricelli, 5

Un’insegna al neon rosa tremendamente anni ’80. Forse anche un po’ traballante. Una televisione sempre accesa. I tavoli disordinati, le sedie spaiate. Ma non fermarti alle apparenze. Entra, supera il bancone e troverai un cortile interno davvero prezioso a Milano. Spazio ampio, vere case di ringhiera come scenografia. Ma il bello, qui, è che questa meraviglia non è “sfruttata” per creare un posto che segua le regole del marketing. Qui i proprietari sono quelli di sempre e i social non vengono neanche considerati. I panini li preparano loro, con il pane arabo, e sono buonissimi. Le birre, artigianali, meravigliose. L’atmosfera unica, autentica, fatta sia di ragazzi che di famiglie con i bambini più o meno piccoli. Parola d’ordine: convivialità. Per me è il posto perfetto per una birretta prima o dopo cena.

Aperto dalle 17 alle 2.00 (domenica alle 00.00)

IL BRUTTO ANATROCCOLO – via Torricelli, 3

Questa è una trattoria. Ma non di quelle dove c’è solo il nome. Qui l’ambiente è rustico, il servizio efficiente e spartano, le tovaglie a quadri. Di finto non c’è nulla. E i prezzi sono, appunto, da trattoria. Ogni giorno tantissimi piatti, tutti rigorosamente fatti in casa. Ragù d’asina e carne di cavallo ottimi. Avviso: trovare posto non è semplicissimo, il weekend non si prenota. I clienti sono affezionati, quando si viene qui è difficile non tornarci. Se cerchi veracità e autenticità, sei nel posto giusto – a volte anche un po’ di burberità, o come si dice, ma è il giusto prezzo che si paga…

Da lunedì a venerdì 12:03–15, 21:03–02
Sabato 21:03–02
Domenica chiuso