Mangiare in centro, a Milano, è difficile. Se per la zona attorno al Castello Sforzesco ho trovato una soluzione, in Duomo non è altrettanto semplice. Tra posti turistici, posti cari e posti di scarsa qualità, incappare nell’errore è facilissimo. Alla fine ripiego sempre sui baretti vicino alla Statale, perché sono una garanzia di low cost. Ma se invece cerchi qualcosa di buono per il quale il rincaro dovuto alla zona non sia un problema, devi assolutamente provare i dim sum o noodles di Pasta B.

A due passi dalla libreria Hoepli c’è una piacevole serie di bar ideali per la pausa pranzo. Uno di questi è sicuramente Pasta B, fratellino del più famoso Sushi B. Qui ci sono solo ravioli e spaghetti, cinesi ovviamente, e pochissimi altri piatti. Tutti artigianali, fatti a mano dalla proprietaria direttamente in vetrina.

Tra i blog che amo di più c’è sicuramente quello della meravigliosa Sara Caulfield, romana trapiantata a Singapore. E le dico sempre che pagherei oro per poter mangiare molte delle foto che pubblica (dim sum pazzeschi in ogni dove!). A Milano, oltre alla Ravioleria Sarpi e a Tang Gourmet, conosco pochi locali degni realmente di nota (a un prezzo contenuto, intendo). E Pasta B è stato una piacevole scoperta.

La pasta è molto sottile e delicata, e penso ci voglia una vera maestria perché il ripieno sia cotto così bene senza intaccare né rompere l’involucro. Il ripieno è saporito ma delicato, e ha una quantità di varianti davvero notevole, contemplando anche versioni di ravioli tipiche di Singapore. Una delle cose che più ho amato è la forma: diciamocelo, mangiare è anche un piacere per gli occhi, e i dim sum di Pasta B soddisfano questo piacere.

I prezzi non sono modicissimi, ma considerando che in questa zona spendere poco è quasi impossibile, preferisco pagare qualcosa di qualità e con un servizio ordinato e preciso.

Pasta B
Via Hoepli, 3
Lun 11:30 /15:00
Mar-Dom 11:30/22:00